È legge il nuovo processo civile – Via libera a negoziazione assistita e divorzio sprint
10 Maggio 2017
Giudici di pace: sciopero dal 15 maggio per un mese!
12 Maggio 2017

Approvata dalla Camera la riforma delle norme in materia di legittima difesa (art. 52 cod. pen.).

Con 225 voti favorevoli, 166 voti contrari e 11 astenuti, l’Aula di Montecitorio ha dato il primo via libera alla proposta di legge n. 3785 recante “Modifiche agli articoli 52 e 59 del codice penale in materia di legittima difesa”, che ora passa al Senato per l’esame e l’approvazione definitiva.

Vediamo in sintesi le novità previste dalla riforma, il cui iter di approvazione – iniziato nel 2016 – ha subito una forte accelerazione nelle ultime settimane a seguito del dibattito politico innescato da alcuni recenti fatti di cronaca nera (vedi da ultimo il caso della rapina di Budrio):

  • la prima novità riguarda le situazioni che vengono considerate “legittima difesa”; è introdotta una modifica al secondo comma dell’art. 52 cp., in base alla quale si considera legittima difesa la reazione a un’aggressione commessa in tempo di notte, ovvero la reazione a seguito dell’introduzione in casa, in negozio o in ufficio, con violenza alle persone o alle cose, ovvero con minaccia o con inganno;
  • viene poi precisato l’ambito di applicazione della fattispecie dell’eccesso di legittima difesa: all’interno dell’art. 59 c.p. è inserita la seguente previsione: “la colpa dell’agente è sempre esclusa quando l’errore è conseguenza del grave turbamento psichico causato dalla persona contro la quale è diretta la reazione in situazioni comportanti un pericolo attuale per la vita, per l’integrità fisica, per la libertà personale o sessuale”;
  • l’ultima novità riguarda la previsione dell’assistenza legale a carico dello Stato: quando sia dichiarata la non punibilità per legittima difesa, le spese processuali e i compensi degli avvocati saranno a carico dello Stato (l’onere per le finanze pubbliche è stimato in 295.200 euro a partire dal 2017).

Il provvedimento ha suscitato numerose polemiche (sia in rete che da parte di esponenti politici) soprattutto sul termine “ovvero” contenuto nella norma e sul riferimento alla notte, con Matteo Salvini che si è dichiarato già pronto ad una raccolta firme per un referendum abrogativo.

Matteo Renzi è intervenuto sul tema chiedendo agli esponenti del proprio partito di modificare il testo.

David Ermini, relatore (del Partito Democratico) della legge sulla legittima difesa ha risposto alle polemiche nel corso della trasmissione Omnibus di La7: “Non servirebbe togliere la parola notte, ma se è l’elemento per cui si deve fare una campagna elettorale contro, allora la togliamo. Se il problema è la notte, noi la togliamo: vuol dire che non è stato percepito quello che c’è realmente nel testo. […] “La notte” è una tipica locuzione che si usa nei testi legislativi per rappresentare una situazione di minorata difesa, poi c’è un ovvero che spiega che include anche altre circostanze che fanno riferimento a tutta l’intera giornata. Le ore notturne erano presenti anche nel testo di Fdi, nell’emendamento Lupi-Marotta che è stato votato da Forza Italia. Inoltre l’emendamento aggiuntivo con cui abbiamo rotto con il centrodestra unito nel comitato dei nove, l’emendamento Molteni, non prevedeva la soppressione della locuzione notte ma chiedeva una presunzione di rapporto di proporzionalità e attualità. Quindi era noto a tutto il Parlamento come era scritto il testo”. NomoLex Civitavecchia

Fonte: Altalex

NomoLex Civitavecchia, Avvocati Civitavecchia, NomoLex Civitavecchia, Studio Legale Civitavecchia, NomoLex Civitavecchia, NomoLex Studio Legale, NomoLex Civitavecchia