Testimone di Geova, nessun danno per l’ostracismo dopo l’uscita
19 Aprile 2017
Permesso a costruire in deroga: la delibera del consiglio comunale non è immediatamente impugnabile
21 Aprile 2017

Terzo sciopero in vista per gli avvocati penalisti per protesta contro il disegno di legge di riforma del processo recentemente approvato dal Senato.

Con delibera del 12 aprile 2017 l’Unione delle Camere Penali ha infatti proclamato un’ulteriore astensione dalle udienze nei giorni dal 2 al 5 maggio, a pochi giorni di distanza dallo sciopero attualmente in corso e da quello del 20-24 marzo scorso.

Nel reiterare le ragioni delle due precedenti astensioni, tra le quali le modalità “antidemocratiche” con le quali la riforma è stata approvata, la Giunta dell’UCPI denuncia “la scelta di riproporre il voto di fiducia anche davanti alla Camera, che conferma il perdurare di un atteggiamento di inammissibile disprezzo nei confronti del dibattito parlamentare”.

L’UCPI invita le Camere Penali territoriali ad organizzare nei giorni indicati manifestazioni ed eventi dedicati ai temi della riforma e del “denunciato contrasto con i principi costituzionali e convenzionali della immediatezza, del contraddittorio, della presunzione di innocenza e della ragionevole durata”, mantenendo lo stato di agitazione dell’avvocatura penale e attivando ogni strumento di comunicazione ed interlocuzione per sensibilizzare l’opinione pubblica e le forze politiche sul metodo e sul merito della riforma.

Terzo sciopero in vista per gli avvocati penalisti per protesta contro il disegno di legge di riforma del processo recentemente approvato dal Senato.

Con delibera del 12 aprile 2017 l’Unione delle Camere Penali ha infatti proclamato un’ulteriore astensione dalle udienze nei giorni dal 2 al 5 maggio, a pochi giorni di distanza dallo sciopero attualmente in corso e da quello del 20-24 marzo scorso.

Nel reiterare le ragioni delle due precedenti astensioni, tra le quali le modalità “antidemocratiche” con le quali la riforma è stata approvata, la Giunta dell’UCPI denuncia “la scelta di riproporre il voto di fiducia anche davanti alla Camera, che conferma il perdurare di un atteggiamento di inammissibile disprezzo nei confronti del dibattito parlamentare”.

L’UCPI invita le Camere Penali territoriali ad organizzare nei giorni indicati manifestazioni ed eventi dedicati ai temi della riforma e del “denunciato contrasto con i principi costituzionali e convenzionali della immediatezza, del contraddittorio, della presunzione di innocenza e della ragionevole durata”, mantenendo lo stato di agitazione dell’avvocatura penale e attivando ogni strumento di comunicazione ed interlocuzione per sensibilizzare l’opinione pubblica e le forze politiche sul metodo e sul merito della riforma.NomoLex Legale Civitavecchia

Fonte: Altalex

NomoLex Legale Civitavecchia, Studio Legale Civitavecchia, NomoLex Legale Civitavecchia, Avvocati Civitavecchia, NomoLex Legale Civitavecchia, NomoLex Studio Legale, NomoLex Legale Civitavecchia