E-book – Corte di Giustizia dell’Unione europea: le biblioteche pubbliche possono dare in prestito libri in formato digitale
1 Dicembre 2016
Appalti pubblici. Criteri di scelta dei commissari di gara e di iscrizione degli esperti nell’Albo nazionale.
5 Dicembre 2016

È stato approvato definitivamente il 28 novembre 2016 dalla Camera dei Deputati il Testo unico del vino recante Disciplina organica della coltivazione della vite e della produzione e del commercio del vino.

Il provvedimento, suddiviso in otto Titoli e in 90 articoli, è il risultato di un lavoro parlamentare condiviso tra le varie forze politiche e che, dopo l’approvazione a fine settembre a Montecitorio, è stato modificato al Senato per le parti relative alle sanzioni previste dall’articolo 74 comma 7, che introduce una sanzione da 30.000 a 100.000 euro per le contraffazioni o alterazioni dei contrassegni, il richiamo ai regolamenti della Commissione europea e una correzione formale che riguarda la salvaguardia dei vigneti eroici o storici:

“7. Chiunque contraffà o altera i contrassegni di cui all’articolo 48, commi 6 e 7, o acquista, detiene o cede ad altri ovvero usa contrassegni alterati o contraffatti è soggetto, in aggiunta alle sanzioni penali di cui agli articoli 468 e 469 del codice penale, alla sanzione amministrativa pecuniaria da 30.000 euro a 100.000 euro. Salvo quanto previsto al comma 8 del presente articolo, chiunque contraffà o altera i codici di identificazione alternativi ai contrassegni, previsti dall’articolo 48, comma 8, o acquista, detiene o cede ad altri ovvero usa i predetti codici alterati o contraffatti è soggetto alla pena della reclusione da uno a cinque anni e della multa da 200 euro a 2.000 euro, oltre alla sanzione amministrativa pecuniaria da 30.000 euro a 100.000 euro. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque utilizza su più recipienti il medesimo codice di identificazione di cui all’articolo 48, comma 8, è soggetto alla pena della reclusione da uno a cinque anni e della multa da 200 euro a 2.000 euro, oltre alla sanzione amministrativa pecuniaria da 30.000 euro a 100.000 euro. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque utilizza i codici di identificazione di cui all’articolo 48, comma 8, rilasciati da un soggetto non autorizzato è punito con la pena della reclusione da uno a cinque anni e della multa da 200 euro a 2.000 euro, oltre alla sanzione amministrativa pecuniaria da 30.000 euro a 100.000 euro”.

La legge, inoltre, semplifica il sistema di produzione, commercializzazione, denominazione di origine, indicazioni geografiche, menzioni tradizionali, etichettatura e presentazione, gestione, controlli e sistema sanzionatorio.

Tra le novità apportate dalla riforma segnaliamo l’articolo 7 che contiene una disciplina sulla salvaguardia dei vigneti eroici o storici: “1. Lo Stato promuove interventi di ripristino, recupero, manutenzione e salvaguardia dei vigneti delle aree soggette a rischio di dissesto idrogeologico o aventi particolare pregio paesaggistico, storico e ambientale, di seguito denominati «vigneti eroici o storici». al fine di promuovere interventi di ripristino recupero e salvaguardia di quei vigneti che insistono su aree soggette a rischio di dissesto idrogeologico o aventi particolare pregio paesaggistico”.

Altra novità importante riguarda la tutela contro le varie forme di contraffazione.

Gli articoli 63 e 64 del disegno di legge, cui si rinvia, infatti, stabiliscono che i controlli sulle imprese del settore vitivinicolo confluiscono nel registro unico dei controlli (RUCI) a prescindere se siano o meno imprese agricole.

Fonte: Filo diritto

NomoLex Studio Legale, vino, NomoLex Studio Legale, camera dei deputati, NomoLex Studio Legale, parlamento, NomoLex Studio Legale, disegno di legge, NomoLex Studio Legale, testo unico, NomoLex Studio Legale

NomoLex Studio Legale