La CTU e i vizi di merito
11 Novembre 2016
Cattedre Natta e fuga di cervelli, il Consiglio di Stato dice “ni”
11 Novembre 2016

Ieri, presso la Sala Livatino del ministero di Via Arenula, alla presenza del guardasigilli Andrea Orlando, il capo del dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria, Santi Consolo, e il capo del dipartimento della Giustizia minorile e di comunità, Francesco Cascini, hanno siglato un protocollo d’intesa con le società Cisco, Vodafone, Fondazione Vodafone, la Cooperativa Universo e la Confprofessioni, per la formazione di 100 detenuti.

L’accordo formalizzato ieri mattina prevede l’organizzazione, all’interno degli istituti penitenziari selezionati dal ministero, di corsi finalizzati a fornire ai detenuti le competenze base di ICT (information and communication technology), consentendogli poi di  divenire specialisti del settore.

Il protocollo  – si legge in una nota del ministero – si inserisce «in quel processo di recupero e reinserimento sociale delle persone detenute, che si intende avviare attraverso gli strumenti della formazione e del lavoro all’interno degli istituti penitenziari, ottenendo così anche la riduzione dei tassi di recidiva».

ri, presso la Sala Livatino del ministero di Via Arenula, alla presenza del guardasigilli Andrea Orlando, il capo del dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria, Santi Consolo, e il capo del dipartimento della Giustizia minorile e di comunità, Francesco Cascini, hanno siglato un protocollo d’intesa con le società Cisco, Vodafone, Fondazione Vodafone, la Cooperativa Universo e la Confprofessioni, per la formazione di 100 detenuti.

L’accordo formalizzato ieri mattina prevede l’organizzazione, all’interno degli istituti penitenziari selezionati dal ministero, di corsi finalizzati a fornire ai detenuti le competenze base di ICT (information and communication technology), consentendogli poi di  divenire specialisti del settore.

Il protocollo  – si legge in una nota del ministero – si inserisce «in quel processo di recupero e reinserimento sociale delle persone detenute, che si intende avviare attraverso gli strumenti della formazione e del lavoro all’interno degli istituti penitenziari, ottenendo così anche la riduzione dei tassi di recidiva».

ri, presso la Sala Livatino del ministero di Via Arenula, alla presenza del guardasigilli Andrea Orlando, il capo del dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria, Santi Consolo, e il capo del dipartimento della Giustizia minorile e di comunità, Francesco Cascini, hanno siglato un protocollo d’intesa con le società Cisco, Vodafone, Fondazione Vodafone, la Cooperativa Universo e la Confprofessioni, per la formazione di 100 detenuti.

L’accordo formalizzato ieri mattina prevede l’organizzazione, all’interno degli istituti penitenziari selezionati dal ministero, di corsi finalizzati a fornire ai detenuti le competenze base di ICT (information and communication technology), consentendogli poi di  divenire specialisti del settore.

Il protocollo  – si legge in una nota del ministero – si inserisce «in quel processo di recupero e reinserimento sociale delle persone detenute, che si intende avviare attraverso gli strumenti della formazione e del lavoro all’interno degli istituti penitenziari, ottenendo così anche la riduzione dei tassi di recidiva».

Fonte: MasterLex

 Studio Legale MilanoStudio Legale Milano, esecuzione penale, Studio Legale Milano, Ministero Giustizia, Studio Legale Milano, NomoLex Studio Legale, Studio Legale Milano, Avvocato Milano, Studio Legale Milano