Tardare al lavoro e mentire sulla causa del ritardo non giustifica il licenziamento
8 Novembre 2016
Assicurazioni: la Cassazione fa chiarezza sul funzionamento della surrogazione
9 Novembre 2016

E’ incostituzionale la norma che prevede l’automatica attribuzione del cognome paterno al figlio legittimo, in presenza di una diversa volontà dei genitori.

Lo ha reso noto la Corte Costituzionale, con il comunicato rilasciato ieri alla stampa.

La questione di legittimità costituzionale era stata sollevata dalla Corte di appello di Genova nell’ambito di una causa promossa da una coppia dopo il diniego dell’ufficiale di stato civile di apporre al loro figlio anche il cognome della madre.


Corte Costituzionale

Comunicato stampa 8 novembre 2016

La Corte costituzionale ha accolto oggi la questione di legittimità costituzionale sollevata dalla Corte di appello di Genova sul cognome del figlio.

La Corte ha dichiarato l’illegittimità della norma che prevede l’automatica attribuzione del cognome paterno al figlio legittimo, in presenza di una diversa volontà dei genitori.

E’ incostituzionale la norma che prevede l’automatica attribuzione del cognome paterno al figlio legittimo, in presenza di una diversa volontà dei genitori.

Lo ha reso noto la Corte Costituzionale, con il comunicato rilasciato ieri alla stampa.

La questione di legittimità costituzionale era stata sollevata dalla Corte di appello di Genova nell’ambito di una causa promossa da una coppia dopo il diniego dell’ufficiale di stato civile di apporre al loro figlio anche il cognome della madre.


Corte Costituzionale

Comunicato stampa 8 novembre 2016

La Corte costituzionale ha accolto oggi la questione di legittimità costituzionale sollevata dalla Corte di appello di Genova sul cognome del figlio.

La Corte ha dichiarato l’illegittimità della norma che prevede l’automatica attribuzione del cognome paterno al figlio legittimo, in presenza di una diversa volontà dei genitori. 

E’ incostituzionale la norma che prevede l’automatica attribuzione del cognome paterno al figlio legittimo, in presenza di una diversa volontà dei genitori.

Lo ha reso noto la Corte Costituzionale, con il comunicato rilasciato ieri alla stampa.

La questione di legittimità costituzionale era stata sollevata dalla Corte di appello di Genova nell’ambito di una causa promossa da una coppia dopo il diniego dell’ufficiale di stato civile di apporre al loro figlio anche il cognome della madre.


Corte Costituzionale

Comunicato stampa 8 novembre 2016

La Corte costituzionale ha accolto oggi la questione di legittimità costituzionale sollevata dalla Corte di appello di Genova sul cognome del figlio.

La Corte ha dichiarato l’illegittimità della norma che prevede l’automatica attribuzione del cognome paterno al figlio legittimo, in presenza di una diversa volontà dei genitori. 

Fonte: AltalexStudio Legale Roma

Studio Legale Roma, cognome madre, Studio Legale Roma, NomoLex Studio Legale, Studio Legale Roma, Avvocato Roma, Studio Legale Roma, Studio Legale Roma, Corte Costituzionale, Studio Legale Roma, Consulta, Studio Legale Roma